Val di Fassa Running

La verità è che non si può stare senza

Massimo Galliano e Ana Nanu sfidano gli africani - Domenica a Fontanazzo si apre la 20ª edizione
Comunicato stampa del 20/06/2018

I runner che hanno fatto la storia della Val di Fassa Running contro un lotto di atleti africani con interessanti personali. È questo il leit motiv della corsa podistica a tappe che da domenica 24 a venerdì 29 giugno animerà la valle ladina trentina e che vedrà in gara 500 corridori provenienti da tutta Italia, ma pure da alcune nazioni straniere.

Il cuneese Massimo Galliano, che vanta quattro affermazioni alla Val di Fassa Running e la rumena con passaporto italiano Ana Nanu, che si è imposta invece per ben sei volte sul traguardo finale, avranno dunque un bel daffare nel cercare di contrastare la pattuglia dei corridori degli altipiani.



In campo maschile occhio ai due keniani Fredrick Kipyegon, che vanta un 7’50” sui 3.000 metri e un 28’26” sui 10.000 metri, quindi Ken Mutai con un personale di 28’56” sui 10.000 e 64’46” nella mezza maratona. Al femminile invece saranno in gara con l’obiettivo di lasciare il segno le due etiopi Yayeh Gedamnesh, vincitrice quest’anno delle maratonine di Vittorio Veneto, Dogi’s e Unesco, nonché dell’Appia Run, quindi Addisalem Belay Tegegn, che pochi giorni fa si è aggiudicata la Mujalonga sul Mar di Trieste, facendo registrare il record della competizione.

Dal punto di vista tecnico sono molteplici i motivi di interesse, a partire dalla novità assoluta, lanciata per celebrare il ventesimo compleanno dell'evento, rappresentata dalla tappa in notturna del martedì, proseguendo con il tappone dolomitico conclusivo, che si svilupperà sulla verticalità del Ciampac ad Alba di Canazei, senza dimenticare il fascino di tutte le frazioni, che il Comitato Organizzatore presieduto da Armando Mich propone ogni anno, con l’obiettivo di cercare nuovi itinerari edizione dopo edizione.

Il menù della Val di Fassa Running numero 20 presenta complessivamente 51,19 km da percorrere nelle cinque giornate, per un totale di 2.446 metri di dislivello. La tappa più lunga, di 11,68 km sarà la seconda, quella con il dislivello maggiore l’ultima, durante la quale i concorrenti dovranno affrontare uno scarto di 831 metri.

Nel dettaglio la prima, di domenica 24 giugno, si svilupperà con partenza e arrivo a Fontanazzo dopo aver percorso 10,86 km e 408 metri di dislivello. Lunedì il plotoncino di runners si trasferirà a Passo San Pellegrino per il secondo atto, che avrà uno sviluppo di 11,68 km e 491 metri di dislivello, quindi martedì la novità della sfida serale a Pozza di Fassa sui 9,40 km e 176 metri di dislivello. Mercoledì giornata di riposo e spazio ai più piccoli, che saranno impegnati nel tradizionale appuntamento con la Mini Val di Fassa Running Kids. Giovedì si riprende con la tappa di Vigo di Fassa di 11,23 km e 540 metri di dislivello, per poi giocarsi il tutto per tutto nell’atto conclusivo, il tappone dolomitico da Alba di Canazei al Ciampac di 8 km e 831 metri di dislivello.

FaceBook